traveling with ghosts

Traveling with ghosts, a memoir

Author: Shannon Leone Fowler

Language: English

Summary: From grief to reckoning to reflection to solace, a marine biologist shares the solo journey she took—through war-ravaged Eastern Europe, Israel, and beyond—to find peace after her fiancé suffered a fatal attack by a box jellyfish in Thailand.

Continue reading “Traveling with ghosts, a memoir”

Il muggito di Sarajevo

Author: Lorenzo Mazzoni

Language: Italian

Summary: Nata per essere assediata. È così che si sente Amira, diciotto anni e un grande sogno da realizzare nella città di Sarajevo del ’93, lacerata dalle rappresaglie fra serbi e bosniaci. Il cuore della suonatrice di cigar box guitar batte all’unisono con i colpi di mortaio e le raffiche di mitra, ma Amira canta la sopravvivenza, la speranza. Della band Senza Strumenti fanno parte anche il colonnello Mustafa Setka, mago del basso, e il gigantesco ballerino di kolo, Masne, alle percussioni. I due per tutto il giorno seguono Jack, meglio conosciuto come Mozambik l’irlandese, fidanzato di Amira, spacciatore. All’occorrenza, Jack si offre come guida agli inviati di guerra che affollano l’Holiday Inn semidistrutto. Così conosce Carlo e Oscar, due fotoreporter italiani che inseguono uno scoop davvero straordinario: intendono trovare una vacca indiana che si dice abbia poteri da chiromante. Sarà per caso la zebù gir che il vecchio Ivan nasconde nella corte interna del suo negozio di tabacchi, adattato a fumeria d’oppio dopo l’inizio del conflitto? Del resto, non è la sola ospite che il commerciante cela a sguardi e orecchie indiscrete. In uno sgabuzzino è segregato, infatti, un serbo fuori di testa che, dopo una scorpacciata di funghi allucinogeni, si è ritrovato al di là delle linee nemiche. Lo scopo di Ivan è rispedirlo al mittente in cambio di un riscatto, da chiedere a un oscuro cecchino dei servizi segreti serbi, che trova la concentrazione solo canticchiando le hit di Barbra Streisand…- Fonte: Amazon.it

Continue reading “Il muggito di Sarajevo”

Zlata’s diary: a child’s life in wartime Sarajevo

Author: Zlata Filipovic

Language: English

Summary: When Zlata’s Diary was first published at the height of the Bosnian conflict, it became an international bestseller and was compared to The Diary of Anne Frank, both for the freshness of its voice and the grimness of the world it describes. It begins as the day-today record of the life of a typical eleven-year-old girl, preoccupied by piano lessons and birthday parties. But as war engulfs Sarajevo, Zlata Filipovic becomes a witness to food shortages and the deaths of friends and learns to wait out bombardments in a neighbor’s cellar. Yet throughout she remains courageous and observant. The result is a book that has the power to move and instruct readers a world away. Source: amazon.com

Continue reading “Zlata’s diary: a child’s life in wartime Sarajevo”

Venuto al mondo

Author: Margaret Mazzantini

Language: Italian

Summary: Il romanzo racconta la storia d’amore di Gemma e Diego, una storia di ragazzi farneticanti che si rincontrano oggi invecchiati in un dopoguerra recente. Una storia d’amore appassionata, imperfetta come gli amori veri. Ma anche la storia di una maternità cercata, negata, risarcita. Il cammino misterioso di una nascita che fa piazza pulita della scienza, della biologia, e si addentra nella placenta preistorica di una guerra che mentre uccide procrea. L’avventura di Gemma e Diego è anche la storia di tutti noi, perché questo è un romanzo contemporaneo. Di pace e di guerra. La pace è l’aridità fumosa di un Occidente flaccido di egoismi, perso nella salamoia del benessere. La guerra è quella di una donna che ingaggia contro la natura una battaglia estrema e oltraggiosa. L’assedio di Sarajevo diventa l’assedio di ogni personaggio di questa vicenda di non eroi scaraventati dalla storia in un destino che sembra in attesa di loro come un tiratore scelto. Un romanzo-mondo, di forte impegno etico, spiazzante come un thriller, emblematico come una parabola. Source: amazon.it.

Continue reading “Venuto al mondo”